VITA MIA
Titolo VITA MIA
Autore Dacia Maraini
Editore Rizzoli
Prezzo 18,00
ISBN 9788817140973
 
Recensione La celebre scrittrice Dacia Maraini fa il suo ritorno nelle librerie con un romanzo intimo, frutto di anni di lavoro e dedizione, in cui racconta le terrificanti esperienze vissute insieme alla sua famiglia durante la prigionia nel campo di concentramento giapponese dall'anno 1943 al 1945. Dacia Maraini ha sette anni e vive in Giappone con i suoi genitori e le sorelle più piccole, Toni e Yuki. Suo padre Fosco è un insegnante universitario a Kyoto e la madre, Topazia Alliata, si è felicemente integrata nella vita quotidiana kyotese. É il 1943, si pensa che la guerra stia per finire e si inizia a respirare aria di pace e speranza. Tutto però cambia quando Fosco e Topazia decidono di non giurare fedeltà al regime nazifascista della Repubblica di Salò. Una scelta che cambierà il corso delle loro esistenze per sempre: l'intera famiglia viene reclusa in un campo di concentramento destinato ai traditori della nazione e inizia per loro un periodo di grandi sfide e difficoltà. Dacia, i suoi genitori e le sorelle vengono imprigionati insieme ad altri detenuti e per due anni le loro giornate saranno segnate da fame, malattie, gelo e infinita attesa. In questo libro l’autrice ci racconta, con i suoi occhi da bambina, i lunghi e dolorosi mesi di detenzione, intrecciando i momenti di profonda sofferenza a quelli di riscatto e sogni. Attraverso una narrazione intensa e toccante, il libro “Vita mia” diventa un omaggio a coloro che con coraggio hanno lottato per la libertà e un richiamo a non dimenticare gli orrori del passato